“Cuore non è sentimento” (aka moralità del conoscere)

Fatto sociale/fatto sociale totale, prendiamo spunto da queste due definizioni di Durkheim e Mauss e trasportiamole nella nostra quotidianità: non puoi esprimere un giudizio appropriato su un fatto singolo e totalizzarlo e generalizzarlo sul fatto totale, non solo è insostenibile, ma anche completamente immorale.
Cadiamo nella banalità indecente di rinnegare quello che è stato e quello che fino a ieri ci piaceva anche tanto.
Come entità singola, non parte di un gruppo, non posso pensare alla sfiducia e all’esclusione dell’altro, l’altro non ha tradito le mie aspettative. Inserita in un gruppo, sì, mi avvicino alla tua essenza, me ne sento in parte, parte anche io, ma la mia agency continua ad esistere e non posso che essere oggettiva, perché il mio sentimento è accompagnato da un’inevitabile ragionevolezza, che è bene che sussista.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...