Ti va ancora di uscire con me? (aka nonostante ciò, nonostante tutto)

“Dovresti aspettare lui!”
“Aspettare lui significa passare al prossimo mezz’uomo della mia lista immaginaria e chiuderla definitivamente senza averla nemmeno cominciata. Sì, si può aspettare!”
Iniziava così una conversazione su whatsapp con la mia amica del cuore quando, in preda alla disperazione di un’ora e mezza di sbobinatura di lezione di letteratura contemporanea, mi martellava nel cervello, oltre alla lezione di letteratura italiana che mi ha malamente spoilerato tutta la storia del romanzo che ho iniziato ieri, ma che sopratutto ho pagato 14 euri in libreria, anche il pensiero fisso di questo uomo con cui in teoria dovrei uscire (parola sua, parola di lupetto!). Quindi insieme agli scomodi pensieri e sogni e viaggi mentali ed extratemporali che quotidianamente attraversano le mie sinapsi cerebrali, oggi mi inquietava anche quello strano senso di angoscia del “cosa cazzo gli scrivo?”, perché quando sei sempre tu a scrivere per prima diventa difficile, a na certa, inventarsi locuzioni originali e neologismi per chiedere ad un uomo di uscire.
La sintassi comincia già ad avere buchi strutturali, proprio come questa storia, proprio come la storia della mia vita. Da esterna la domanda mi sorgerebbe spontanea a leggere queste poche righe “Ma che cazzo ti ostini?”, ma da una prospettiva interna alla storia, un senso del mio essere ostinata a questo mondo c’è…. è la versione estremizzata dell’aggettivo qualificativo “speranzosa”, sono un po’ estremista nella mia vita, un po’ tanto, esageratamente, indi per cui la via di mezzo del Buddha difficilmente concilia con la mia patologia mentale, ma l’importante è la consapevolezza, no?
Fatto sta che adesso ci ho pensato qualche minuto in più e quello che mi viene in mente è più o meno questa proposta di messaggio: “Ciao Mister X, come stai? Se ti ricordi mi avevi detto che era molto fattibile vederci questa settimana, quindi dato che ho pensato a dei modi carini e coccolosi e originali di chiederti per l’ennesima volta -ehi, riusciamo a vederci?- ho deciso, invece, di scriverti tutto quello che mi è venuto in mente, proprio mentre cercavo un modo per farti questa proposta. Devo dire che questa cosa mi intriga perché susciti in me la voglia di scrivere, questa è una buona cosa, quindi per passaggio logico, forse tu sei una cosa buona… e nonostante ciò, nonostante tutto, nonostante sembri una malata mentale (un po’ lo sono, ma un po’ tutti lo siamo) ti va ancora di uscire con me?”.
Che dite gli mando il link a questo post?

Un pensiero su “Ti va ancora di uscire con me? (aka nonostante ciò, nonostante tutto)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...