“Tutta colpa di Freud” (aka “ma quanto ci piacciono i casi umani?”)

Ho appena visto “Tutta colpa di Freud”, tolto il fatto che sono andata completamente in fissa per Marco Giallini, che trovo un enorme e grandissimo pezzo di gnocco, anche se potrebbe essere verosimilmente mio padre, e va beh, in seguito ai fatti che accadono sempre a queste ore improbabili della notte, mi sono venute alcune riflessioni da fare, e sapete che vi dico? Che mi sa che faccio una recensione mista a una riflessione e che forse questo articolo non riuscirò a finirlo, perché è l’una e dieci di notte, per cui molto probabilmente lo finirò domani, ma è importante che abbiate bene in testa che questa recensione mista a riflessione è già tutta nel mio cervello adesso che è l’una e dieci di notte del 15/8/2016.

Tutta-colpa-di-Freud.jpg

Il film è carino, carino, carino, e non sono una di quelle che dice “carino” per non dire “fa un po’ meno di schifo!”, se dico “carino” è perché penso che sia davvero carino, che potrebbe anche essere sostituito da “tenero” (e parliamoci chiaro, a chi non piacciono le cose tenere?). Comunque, ho già detto di avere una fissa per Marco Giallini, questo perché due settimane fa ho visto “Perfetti sconosciuti” e ho avuto delle visioni su Marco Giallini e, si sa, quando mi parte la fissa, insomma, il passo a conoscere la data di nascita, il peso, l’altezza, il nome dei suoi figli e la sua filmografia completa è sempre troppo breve. Per cui, stasera è toccato a “Tutta colpa di Freud”, film diretto da Paolo Genovese (che è lo stesso di “Perfetti Sconosciuti”, quindi questo mi fa intuire che forse andrò in fissa anche per lui), racconta le vicende dello psicanalista Francesco (Marco Giallini, ndr) alle prese con le sue tre figlie Marta (Vittoria Puccini), Emma (Laura Adriani) e Sara (Anna Foglietta), la prima con la sindrome dell’amore platonico (chissà come mai, mi sono sentita particolarmente presa in causa), la seconda 18enne impegnata con un 50enne e la terza lesbica con crisi di identità sessuale. L’amore, le sue caratteristiche e le sue problematiche sono il fil rouge di tutto il film che Genovese gestisce con una leggerezza non scontata, riuscendo anche a portare sulla scena temi più delicati come l’amore paterno, la crisi coniugale e la disabilità, senza spogliarli del loro significato e senza ridicolizzarli, rendendo questo film una commedia piacevole, fruibile e non volgare. Marco Giallini si presta particolarmente a questo tipo di ruoli, ironico al punto giusto e capace di “sottendere di dolorosa verità anche il più leggero dei dialoghi che lo vedono protagonista” (cit. da http://www.mymovies.it/film/2014/tuttacolpadifreud/) ed è forse questa umanità e, di conseguenza, un’incredibile credibilità a renderlo particolarmente “attraente” ai miei occhi. Il cast che gli gravita intorno non è da meno, infatti, in due ore di film compaiono: Vittoria Puccini, Anna Foglietta, Claudia Gerini, Alessandro Gassmann, Daniele Liotti, Giulia Bevilacqua ed Edoardo Leo.

La riflessione è partita quando nel film Sara, indecisa sulla sua identità sessuale, chiede al padre di parlarle di uomini e Francesco recita un monologo pungente e azzeccato, almeno per il genere femminile di sicuro.

“Io mi sento di poter dividere gli uomini in quattro categorie, che più o meno mi vanno a coprire circa il 95% dell’universo maschile.
Categoria numero 1:  gli insoddisfatti. Tutto il giorno ripetono -la mia vita fa schifo, mia moglie non mi ama, i miei figli mi detestano-. La donna che casca in questo rapporto diventa una crocerossina; non dice mai -io ti amo-, ma dice -io ti salverò-.
Categoria numero 2: Peter Pan. Hanno di bello che non hanno crisi di mezza età perché sono fermi all’adolescenza. Per loro sei un joystick, conquistarti vuol dire salire al primo livello, portarti a letto è vincere la partita. Prediligono donne giovani, esageratamente giovani.
Passerei senz’altro alla categoria 3, i vorrei-ma-non-posso. Di solito sposati con figli, ma in procinto di separarsi, in procinto di dirglielo, in procinto di andare via di casa… Sono sempre in procinto di, ma non fanno mai nulla, perché ora lei sta attraversando un momento difficile, perché il bambino è piccolo, perché il bambino non capirebbe. Poi alla festa di laurea, del bambino, forse capisci che il momento giusto non arriverà mai. E poi ci sono infine i buoni, belli  e intelligenti”
“Ah, finalmente! Qual è il loro problema?
“La mamma”
“La mamma?”
“Sì, una presenza costante e imprescindibile, fin dall’infanzia. E’ lì che cominciano a trasformare i loro piccoli uomini in piccoli mostri. -Ma quant’è bello ‘sto pisellino?  Ma com’è grosso ‘sto pisellino, ma di chi è ‘sto pisellone?-. Tutto il repertorio: quanto sei bello, quanto sei intelligente, quanto sei bravo. E allora, se per metà della tua esistenza una donna ti fa sentire Dio, perché accettare che per il resto della vita un’altra donna ti faccia sentire uno stronzo?”
“Papà, però scusa, tu hai parlato del 95%  degli uomini. E il restante 5%?”
“Sono quelli decenti. Buona caccia al tesoro amore mio”.

E a me è subito venuto in mente di aggiungere una categoria o almeno implementarne una, che più che “INSODDISFATTI” chiamerei “CASI UMANI”. E’ la categoria più angosciata della lista. I “CASI UMANI” hanno un evidente bisogno di sostegno, di qualsiasi tipo, e sono alla costante ricerca di certezze e conferme, la loro frase tipo potrebbe essere sempre una domanda, del tipo: “ho fatto bene?”, “cosa ne pensi?”. Hanno sempre una gran voglia di raccontarti delle cose, non si capisce bene se per farti rosicare, per autocompiacersi o forse perché hanno davvero bisogno di parlare. A volte si mascherano da uomini adulti, ma a quanto pare solo anagraficamente, perché sebbene, in alcuni casi, abbiano 30 anni suonati e a te non sorge alcun dubbio sul fatto che dovrebbero ormai aver capito con certezza quello che vogliono dalla vita, rimani stupefatta dal fatto che -no, non l’hanno ancora capito!- e tu pensi che dev’essere proprio una vita difficile la loro, ma forse solo per te, perché loro sembrano non preoccuparsene. Tendenzialmente hanno sempre le sembianze di un artista (e che ci devo fare, è un chiodo fisso), che fa sempre figo, per cui sono spesso degli inconcludenti. Pensando di fare cosa buona e giusta, hanno anche il coraggio di chiederti: “dove sei stata per tutto questo tempo?” e “vaccaboia-morissi-ammazzato-non-ti-avessi-mai-conosciuto-li-mortacci-tua”, ti verrebbe da rispondere, ma hai sviluppato una tecnica sublime di autocontrollo, così che li guardi e gli sorridi solo timidamente.

overdose-di-casi-umani-giuseppe-simone-L-wFKjbp

Ma il problema è nostro, di noi donne intendo, perché questi esseri infimi ci attizzano e pure tanto e nonostante abbiano degli evidenti problemi, hanno una presa incredibile sulla nostra sensibilità e sulla nostra voglia di maternità soffocata. La chiamano sindrome da crocerossina (anche se non è proprio adatto), per descrivere il fatto che i soggetti ci appaiono come dei cuccioli di labrador indifesi, che ci viene una gran voglia di accudire perché, per una volta, abbiamo la presunzione di ritenerci importanti a tal punto da riuscire a salvarli dalla loro condizione, in quanto nessuno è stato capace di farlo fino a quel momento, perché è ovvio, solo adesso hanno incontrato te. Ma smettiamola di prenderci in giro, se anche ci andasse bene, quindi riuscissimo a concludere qualcosa, che vita potremmo avere? Una vita di angosce e la vita è già abbastanza grama, senza qualcuno al nostro fianco costantemente alla ricerca di una certezza che, sebbene non l’abbia ancora razionalizzato, nessuno può realmente dargli, perché neanche lui sa quello che cerca, un po’ come succede in “Guida galattica per gli autostoppisti”, quando Lunkwill e Fook cercano “LA RISPOSTA! -alla vita, all’universo e a tutto quanto”, ma la verità è che non sanno nemmeno qual è la domanda.

E mi sento di dedicargli una bella canzone, va la!

Disclaimer: i disclaimer vanno sempre fatti, probabilmente solo per giustificarsi, o probabilmente perché il linguaggio è sempre molto di arbitraria interpretazione. Così, ci tenevo a dire che è chiaro che si tratta di una tipo e si sa che le tipologie e il campione non potrebbero mai rappresentare la realtà in modo totale ed efficace, proprio perché si tratta di tipologie, quindi non faccio di tutta un’erba un fascio ed è ovvio che si tratta di una considerazione esasperata del tutto personale.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...